Curiosità!!

Di più
8 Mesi 2 Settimane fa - 8 Mesi 2 Settimane fa #139 da Dott.ssa Pittori
Salve a tutte/i,
volevo farvi presente che la figura di Leonardo è senz'altro ispiratrice di molti prodotti legati all'aerospazio. Pensate che la società Finmeccanica ha recentemente (nel 2016) addirittura cambiato nome e si chiama ora LEONARDO, appunto. Perchè?
Leggete qui:

www.leonardocompany.com/chi-siamo-about-...inmeccanica-leonardo


Riporto il testo saliente per comodità vostra:

Perché Leonardo?
Perché Leonardo da Vinci era un innovatore nel senso più profondo e moderno, capace di immaginare, con cinquecento anni di anticipo, molte delle tecnologie che sono alla base dei nostri prodotti, dal rotore di un elicottero alla macchina volante, dagli studi di ottica ai veicoli blindati.

Perché la nostra identità - come quella di Leonardo – esprime molteplici aspetti: una storia importante di successi, un laboratorio permanente per sviluppare competenze e talento, la capacità di guardare più lontano per immaginare soluzioni nuove, un impulso costante alla ricerca e alla sperimentazione.

Leonardo è il simbolo del nostro modo di essere, pensare e operare. Il suo nome evoca la nostra abilità nell’immaginare e realizzare soluzioni, una sintesi d’ingegno, creatività e passione iscritta nei geni della nostra azienda sin dalla sua nascita e primo motore dell’attitudine all’innovazione e della capacità di comprendere esigenze, linguaggio e aspirazioni dei nostri clienti e partner, per fornire loro risposte
tempestive ed efficaci.
***************************************


Saluti
Carlotta
Ultima modifica: 8 Mesi 2 Settimane fa da Dott.ssa Pittori.

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
8 Mesi 1 Settimana fa #142 da Space Girls
Buonasera. Ringraziamo in primis tutti i mentori per le interessanti informazioni che ci hanno fornito sia circa la figura di Leonardo nel mondo contemporaneo sia circa la propulsione. Tuttavia ci sorgono altre curiosità riguardanti la serie Da Vinci's Demons... innanzitutto dalla suddetta serie si può notare che Leonardo intraprende un viaggio con Amerigo Vespucci verso l'America... ci sorge un dubbio: c'è stato davvero un rapporto tra i due personaggi o è solamente frutto della finzione cinematografica?
In secondo luogo vorremmo chiedere se Leonardo avesse avuto realmente anche rapporti con Niccolò Machiavelli... questo dubbio ci sorge poiché nelle tre stagioni della serie, Leonardo da Vinci ha due aiutanti: Zoroastro e Nico (che si scopre, nella seconda stagione, essere Niccolò Machiavelli).

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
8 Mesi 1 Settimana fa #143 da dott.ssa bianchi
Buongiorno a tutti, mi limito a rispondere in merito a possibili legami e/o incontri tra Leonardo e Machiavelli. Naturalmente, come più volte ho avuto modo di asserire, Leonardo è uomo del suo tempo, la sua opera si studia e s'intende in un contesto storico, geografico, politico, socio-economico, filosofico molto preciso. Fuori da questo contesto, Leonardo (ma sarebbe valido per chiunque) perde "di sostanza" e resta soltanto la finzione. Premesso questo è assai logico che Leonardo abbia avuto legami e/o amicizie, rapporti con altre personalità dell'epoca come per Machiavelli
Siamo nel Palazzo ducale di Urbino, fine giugno 1502: due personaggi illustri si vedono per la prima volta. Sono ospiti di Cesare Borgia, nuovo signore della città. Il primo è Niccolò Machiavelli, segretario della Cancelleria fiorentina. Il secondo è Leonardo da Vinci, inventore e artista dalla fama già sconfinata. Entrambi non faranno mai menzione di questo incontro. Perché? Vi propongo la tesi dello storico 
Patrick
Boucheron ("Leonardo e Machiavelli. Vite incrociate" Viella, 2014) che ha provato a ricostruire i rapporti intercorsi tra i due geni del Rinascimento, ma con scarsi risultati.
Certamente per la penuria di testimonianze dirette, ma anche per una ragione più di fondo. Segnalata da Eugenio Garin nel 1975: “Le presunte affinità tra Machiavelli e Galileo hanno oscurato quelle, molto più degne di considerazione, con Leonardo” (Occhiacci di legno, Feltrinelli, 1998). In effetti, dalla metà dell’Ottocento l’espressione “Machiavelli, il Galileo della politica” è assurta a principio esplicativo della modernità. Forse tra Leonardo e Machiavelli ci sono stati sentimenti di amicizia e di stima, forse di gelosia e indifferenza: non possiamo dirlo con plausibile approssimazione. Ma innegabili e stretti sono i legami che uniscono i loro mondi, i loro sogni, le loro ambizioni.
Cominciamo da Leonardo: quando arriva a Milano nel 1482 con il patrocinio di Lorenzo il Magnifico (secondo Giorgio Vasari), consegna a Ludovico il Moro una “lettera d’impiego”. Tra i progetti che propone al duca, spicca quello di “dare opera al cavallo di bronzo che sarà gloria immortale et aeterno onore de la felice memoria del Signore vostro padre e de la inclyta casa Sforzesca”. Il 14 settembre 1499 il re di Francia Luigi XII entra trionfalmente nel capoluogo lombardo. Del monumento equestre resterà solo un ammasso di cera mista a creta: un gigante di argilla frantumato dagli artiglieri guasconi.
Nel maggio 1500, Luigi XII aveva accordato alla repubblica fiorentina il suo aiuto per sedare la ribellione di Pisa. Il suo assedio fallisce, anche per l’indisciplina e l’indolenza degli ausiliari elvetici dell’armata francese guidata da Charles de Beaumont. Gli ausiliari reclamano ugualmente la mercede pattuita. Firenze si rifiuta di pagarli, e scarica la responsabilità dello scacco sull’alleato. È questa la linea che Niccolò Machiavelli ha il compito di far valere. Insieme a Francesco Della Casa, anch’egli legato straordinario da luglio a dicembre bracca come un segugio gli itineranti consiglieri del sovrano soprannominato “Père du Peuple”.
Nell’aprile 1500 Leonardo era rientrato a Firenze, in attesa di un mecenate che gli restituisse l’antica posizione sociale. Non lo aveva trovato nella Mantova colta e illuminata di Isabella d’Este. Né l’aveva trovato a Venezia, dove svettava la Scuola di Rialto, una corporazione di umanisti eruditi conosciuti tramite un suo caro amico, il matematico Luca Pacioli. È però lì che scopre un ambiente che ignorava, quello dei librai, degli incisori e dei tipografi che facevano della Serenissima la capitale europea della stampa. Ed è lì che apprende una nuova tecnica: l’acquaforte, attraverso cui la lastra di rame corrosa dall’acido permetteva un’incisione assai più netta di quella ottenuta con la xilografia. Il suo soggiorno veneziano si conclude quando, allarmato dall’avanzata dei turchi del sultano Bayezid II, il Senato lo consulta sul modo di fortificare le sponde dell’Isonzo.
Nella seconda metà del 1502 Leonardo è a Imola. C’è anche Machiavelli. L’uno per ispezionare il borgo, misurare vie e edifici, disegnare piante, scoprire falle. L’altro per decifrare il gioco del “principe secretissimo”.Sicuramente si parlano, ma delle loro conversazioni c’è solo un vago accenno in alcune lettere di Niccolò, laddove riferisce di informazioni avute da “uno dei nostri”, un fiorentino al servizio di Cesare Borgia che “sa le cose di questo Signore”. Il ritratto di un Leonardo doppiogiochista non è inverosimile. Tanto più se si considera che nel marzo 1503 si separa dal padrone della Romagna e rientra nuovamente a Firenze. Probabilmente aveva intuito che la parabola discendente del suo protettore era iniziata. Il mese prima Cesare Borgia aveva cercato di avvicinarsi alla monarchia cattolica spagnola. La manovra incrina seriamente le relazioni con la Francia e lo indebolisce politicamente. Il 18 agosto muore papa Alessandro VI. Il suo successore è Giulio II.
Riporto quanto scritto nei Registri della Signoria, 26 luglio 1503: “Andata di Leonardo al Campo sotto Pisa, cinquanta soldi”. Erano il compenso per raggiungere l’accampamento delle truppe fiorentine che assediavano Pisa. Oggetto del viaggio era l’Arno. Leonardo deve studiare il modo di deviarne il corso “per levallo de lito suo”. Far uscire l’Arno dal suo letto, risvegliare la furia del fiume per annegare i nemici e poi riversarlo più lontano, nel mare. Machiavelli è un fanatico fautore del progetto. Durante quindici mesi, dal luglio 1503 all’ottobre 1504, redige centinaia di note per persuadere gli increduli e incoraggiare i favorevoli. In questa circostanza non mancano gli indizi di una collaborazione tra i due, sebbene con prospettive diverse. Correggendo il corso dell’acqua, incanalando la forza del fiume, Leonardo spera di dispensare pace e prosperità: “Il canale bonificherà il paese, e Prato, Pistoia e Pisa insieme con Firenze faranno l’anno di meglio di duecento milla ducati”. Machiavelli vuole invece piegare definitivamente l’ostinata resistenza dell’orgoglioso comune marinaro, governato da un’aristocrazia di cavalieri e di armatori.Nel settembre 1504 l’Arno non cessava di gonfiarsi. Quando fuoriesce dal suo alveo, travolge l’argine del canale e riprende il suo corso originario. Lo sconcerto è enorme, e si fa sentire tra gli ottimati e i popolani del Consiglio Maggiore. Le dighe avevano ceduto, e la stabilità politica di Firenze era ora fragile come il terreno smosso dagli sterratori del Valdarno. Per risollevare la fiducia dei cittadini nei confronti della repubblica, il gonfaloniere Pier Soderini commissiona a Leonardo l’esecuzione di un’opera che ne esaltasse le vittorie militari. La scelta cade sulla battaglia di Anghiari del 29 giugno 1440. Nella contrada aretina le milizie fiorentine di Giovanpaolo Orsini avevano sconfitto quelle milanesi di Niccolò Piccinino, bloccando così le mire espansionistiche dei Visconti. Machiavelli è a Palazzo Vecchio mentre il maestro negozia il suo contratto, e  non si può escludere che abbia appogiato la sua candidatura. Nel memorandum del maggio 1504, che integrava l’ingaggio iniziale, viene concordato l’episodio centrale dell’opera (che sarà l’unico completato da Leonardo): “la lotta per lo stendardo”, in cui i cavalieri di Orsini si impadroniscono del vessillo rosso visconteo e del drappo bianco con il leopardo di Piccinino.
Dopo la “Battaglia di Anghiari” le vite di Leonardo e Machiavelli non si sono più incrociate. Leonardo continuerà a viaggiare in Italia e in Francia, sempre alla ricerca di un protettore potente. Nel 1516 il re Francesco I lo accoglie nel castello di Amboise, nella Loira.
Anche Machuavelli, continuerà a viaggiare. Roma, Perugia e Imola, sulle tracce di papa Giulio II; Mantova, Verona e poi in Germania con l’imperatore Massimiliano. L’8 giugno 1509 è a Pisa, finalmente sottomessa non grazie alla deviazione dell’Arno, bensì all’ardore della milizia civica che aveva mobilitato. Ma il regime di Pier Soderini era agli sgoccioli. La caduta del gonfaloniere nell’estate 1512 segna la fine anche della sua carriera politica. Viene destituito, imprigionatotorturato. Viene poi accusato di complottare contro il ritorno dei Medici. Iniziano gli anni dell’esilio e dell’inazionedel rancore e del contegno, in cui scrive i suoi capolavori. Muore nella sua Firenze il 21 giugno 1527, all’età di cinquantotto anni

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.501 secondi